News immobiliari

Vi teniamo aggiornati con le principali notizie del settore immobiliare

Attestato di prestazione energetica

L’Attestato di prestazione energetica (APE) è un documento rilasciato da un soggetto certificatore che fornisce indicazioni riguardanti il consumo annuale di energia di un edificio o unità immobiliare. Oltre al dato numerico relativo ai consumi energetici, attraverso l’APE viene definita anche la classe energetica dell’edificio, rappresentata attraverso un lettera, ovvero “A4, A3, A2, A1, B, C, D, E, F, G” dove “A4” indica un’efficienza energetica migliore, e “G” indica un edificio/immobile poco efficiente.

Un dato molto importante all’interno dell’attestato di prestazione energetica è la sua durata, o meglio la sua scadenza. La scadenza del documento è inserita in tutte le pagine nella parte superiore. L’ape ha normalmente una durata di 10 anni. A normare questo aspetto è il D.Lgs. 192/2005 che all’art. 6 comma 5 afferma:

L’attestato di prestazione energetica di cui al comma 1 ha una validità temporale massima di dieci anni a partire dal suo rilascio ed è aggiornato a ogni intervento di ristrutturazione o riqualificazione che modifichi la classe energetica dell’edificio o dell’unità immobiliare. La validità temporale massima è subordinata al rispetto delle prescrizioni per le operazioni di controllo di efficienza energetica dei sistemi tecnici dell’edificio, in particolare per gli impianti termici, comprese le eventuali necessità di adeguamento, previste dai regolamenti di cui al d.P.R. 16 aprile 2013, n. 74, e al d.P.R. 16 aprile 2013, n. 75.

Nel caso di mancato rispetto di dette disposizioni, l’attestato di prestazione energetica decade il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata per le predette operazioni di controllo di efficienza energetica. A tali fini, i libretti di impianto previsti dai decreti di cui all’articolo 4, comma 1, lettera b), sono allegati, in originale o in copia, all’attestato di prestazione energetica”.

A precisare ulteriormente la validità dell’APE, vi è il DM 26/06/2015, che all’art. 4 comma 3 prevede:

L’APE, ai sensi dell’articolo 6, comma 5, del decreto legislativo (D.Lgs. 192/2005), ha una validità temporale massima di dieci anni a partire dal suo rilascio ed è aggiornato a ogni intervento di ristrutturazione o riqualificazione che riguardi elementi edilizi o impianti tecnici in maniera tale da modificare la classe energetica dell’edificio o dell’unità immobiliare. La validità temporale massima è subordinata al rispetto delle prescrizioni per le operazioni di controllo di efficienza energetica degli impianti tecnici dell’edificio, in particolare per gli impianti termici, comprese le eventuali necessità di adeguamento previste dai regolamenti di cui al decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, n. 74. Nel caso di mancato rispetto di dette disposizioni, l’APE decade il 31 dicembre dell’anno successivo a quello in cui è prevista la prima scadenza non rispettata per le predette operazioni di controllo di efficienza energetica. A tali fini, i libretti di impianto di cui al decreto del Ministro dello Sviluppo economico 10 febbraio 2014 e successive modificazioni sono allegati, in originale, in copia cartacea o in formato elettronico, all’APE”.

Condividi l'articolo

Davide Rigatti

Telefono: 040 97 76 352
E-Mail: [email protected]
Via Diaz 19/1, 34144 - Trieste

Scopri le migliori case 'nel verde' o nel 'centro storico'

Selezionati per te
Vista mare - Centro Storico - Zona verde